Recupero Password
I politici e le foto strumentali con il cardinale
15 febbraio 2022

C’è aria di primavera, perché l’inverno muore, forse. Con i maltempi che corrono, potrebbe essere malata. Ci aspettano i giorni della beatificazione di don Tonino Bello. Dobbiamo aspettare un miracolo, quando tutti noi siamo i miracolati. Per questo, dopo la cerimonia in cattedrale per la venerabilità, con le foto che vanno in giro, alcune ben capitalizzate sui social, immaginavo quelle di don Tonino con il ladro, l’ubriaco, l’ignoto, il tossico, insieme al politico dell’ultima ora e pure di primo scranno, che lo maltratta. Mi sono ricordato della condivisione che egli sprigionava e chiedeva. Era prima di Natale, l’ultimo incontro con i politici della diocesi, lo volle nel nascente centro di accoglienza che aveva voluto. Si presentarono solo in cinque o sei. Ad un volontario del centro, presente, alla fine, rattristato, confidò testualmente: “Che piacere mi ha fatto vederti”. Riscaldato. Veniva poco dopo la primavera, col vento che sfogliava il vangelo sulla sua bara. Lontana, la folla, enorme, migliaia, sulla banchina, raccolta, immensa, attonita, decisa ad essere presente. Dove il politico, il ladro, io, tu, forse il costruttore, l’ubriaco certamente, il rappresentante del Quirinale, accompagnavamo quel vento. Un vento fresco, venticello, da sogno. Per fare cosa? Bravissimo, scomodo, il Cardinale a ricordare di essere salati, di diventare salati, cioè tutori della buona vita e responsabili della sua salute, a ricordarlo alle autorità in prima fila, che per fortuna nei cerimoniali ecclesiali stanno avendo meno privilegi, mentre in seconda, purtroppo, è accantonata la riserva per la famiglia Bello e negli ultimi posti restano i palchi del popolo. Un cerimoniale un poco confuso, inevitabilmente con un inverno che non si sa che fine faccia. Ma va bene così, purché venga un periodo caldo. Non solo della politica molfettese, che, dopo le strumentalizzate foto con il cardinale (per fortuna molto poche) e le minacciate presenze, impone di restare scoperti. La primavera la paghiamo tutti.

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2022
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet