Recupero Password
Allarme sicurezza a Molfetta, furti nei supermercati, nelle trattorie e perfino nelle case dei defunti durante i funerali. Amministrazione latitante
01 marzo 2023

 MOLFETTA – Continua l’allarme sicurezza che “Quindici” lancia da tempo e che sembra essere ignorato dall’amministrazione comunale di Molfetta che si limita ogni volta a diffondere un comunicato dell’ufficio propaganda che parla dell’attenzione al fenomeno della microcriminalità.

Per la cronaca si registrano negli ultimi giorni alcuni furti a cominciare dalla rapina al supermercato Dok di via S. Francesco d’Assisi ad opera di 4 malviventi, uno di loro armato, con volti coperti da mascherine anti Covid (efficace e poco costoso strumento per nascondere il volto). I 4 uomini sono entrati dopo le 20, alla chiusura del supermarket, minacciando i dipendenti e facendosi consegnare l’incasso. Uno di loro ha anche sparato per terra per intimorire i presenti. I carabinieri non hanno trovato bossoli, quindi si sarà trattato di una pistola giocattolo o di una scacciacani. Poi i delinquenti sono spariti nella notte, facendo perdere le loro tracce. Dalle telecamere si cerca di risalire ai responsabili della rapina.

Altro episodio di microcriminalità riguarda una trattoria nella Galleria Liborio Romano nel centralissimo Corso Umberto. Il titolare Gennaro Altamura ha denunciato di aver trovato la saracinesca forzata col furto di un impianto stereo, di tutte le birre e degli spiccioli presenti in cassa. Il titolare ha lamentato l’assenza di un sistema pubblico di videosorveglianza, più volte richiesto al Comune.

Infine, i furti più vergognosi, quelli nelle abitazioni dei defunti. I ladri in due casi, in Piazza Primo maggio e in Corso Fornari, hanno approfittato dell’assenza dei familiari per il funerale e si sono introdotti in casa rubando nel primo caso 1.000 euro in contanti e nel secondo 500 euro. I malviventi hanno sfruttato il fatto che, a causa dei decessi e del successivo funerale, le abitazioni non fossero state chiuse con sicurezza. Chi mai avrebbe pensato ai furti in casa dei defunti durante il funerale?

Eppure accade anche questo: i ladri non si fermano nemmeno davanti al dolore della gente. Insomma, è gente senza scrupoli e senza pietà. Attendiamo il solito comunicato del Comune col quale si esprime dolore per l’accaduto, si condanna il furto e si annunciano misure di sicurezza e di contrasto alla criminalità, dimenticate 10 minuti dopo.

Troppe chiacchiere e pochi fatti. Molfetta non è più una città sicura.

© Riproduzione riservata

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet